Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» IL TANCIA DEL 12/01/2014
Mar 14 Gen 2014, 9:48 pm Da angelot

» prova forum
Mar 14 Gen 2014, 11:58 am Da route

» Uscita 6 Gennaio 2014
Sab 11 Gen 2014, 9:59 pm Da angelot

» Ciao Gruppo
Dom 05 Gen 2014, 12:18 pm Da libanese75

» auguri di buon natale
Mar 24 Dic 2013, 7:19 am Da angelot

» IL GIRO PIU' BELLO
Mar 17 Dic 2013, 2:27 pm Da Pedalapiano

» EUFORIA NATALIZIA
Lun 09 Dic 2013, 6:03 pm Da Pedalapiano

» Nuovo sito
Mar 03 Dic 2013, 3:50 pm Da angelot

» uscita emotional in mtb
Mar 03 Dic 2013, 2:55 pm Da angelot

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Chi è online?
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 29 il Gio 12 Set 2013, 12:43 pm

FRASSO SABINO

Andare in basso

Re: FRASSO SABINO

Messaggio  Riccardo1989 il Mar 16 Apr 2013, 9:36 pm

Veramente bella!!! Complimenti!!! Queste uscite sono uno spettacolo...poi con queste belle giornate a farne da cornice sono ancora più belle!!!
avatar
Riccardo1989

Numero di messaggi : 10
Data d'iscrizione : 22.02.13
Età : 28
Località : Fiano romano

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

FRASSO SABINO

Messaggio  gianfranco il Mar 16 Apr 2013, 8:54 pm

Very Happy

Frasso Sabino e' in provincia di Rieti e sorge alto su un colle a quota 405 s.l.m, sulla riva sinistra del fiume Farfa.

E' un grazioso borgo medievale cinto da verdi colline e da coltivazione di ulivi, che sorse tra la fine del sec. X e l'inizio del sec.X.

Fino a poco tempo fa si pensava che il suo toponimo derivasse dai frassini che circondavano la zona, ma studi recenti hanno ipotizzato che, essendo in epoca romana un "posto di guardia", la sua etimologia deriverebbe dal verbo latino "fraxare" che significa appunto "fare la guardia".

L'economia locale si basa principalmente su agricoltura, con culture soprattutto di ulivi, e allevamento.

Dal 1996 il G.S. Frasso organizza la gran fondo "Valle del Farfa", dove gli amanti della bici si ritrovano insieme come una sorta di " festa " tra amici, per coprire i circa 90 chilometri di percorso.

Arrivati con lo spettacolare camioncino porta-bici messo a disposizione dal grande Gino & Figlio, tutto il team del CicloclubFianoRomano si ritrova alle ore 8 in quel di Frasso, pronti e scattanti per montare subito la tenda della squadra, per dare la possibilita' di cambiarsi e per avere un punto di ritrovo.

Una volta consegnati i numeri, ci si allinea per la partenza, carichi, concentrati, desiderosi di rendere al meglio le proprie possibilita'. cheers

Il via non tarda ad arrivare, ed il gruppo si trova a sfrecciare lungo i primi chilometri ancora pianeggianti del tracciato a velocita' importanti, infatti qualcuno si ritrova a sbuffare, ma poco importa, i ragazzi sono allenati e convinti di fare una bella prestazione.
Non tardano ad arrivare gli spunti da campioni dai vari Eugenio ( sempreverde ), Max Pocolini ( Paco ), Giovanni ( l'emulo di Pantani ), Gino ( una sospresa continua ), il figlio Riccardo ( ottima new entry ), Angelo ( il mito sta' tornando in grande forma, occhio ) e a seguire tutti noi in scia

Arrivano le prime salite, il caldo comincia a farsi sentire, mentre qualche nostro corridore si distacca dal gruppo di testa. I vari Enzo ( cobra ) Maurizio ( il fantasma ) Alessandro, Roberto, il sottoscritto, Vittorio ed il buon Riccardo ( cuor di leone ), si difendono a denti stretti, spingendo sui pedali senza risparmio, affrontando i vari mangia e bevi presenti sul percorso.

Nel gruppo di testa invece, il cubano mantiene con caparbieta' le file dei primi, Giovanni sbuffa e smadonna per qualche problema ai quadricipiti, il "giovane" Riccardo, a parte il fastidio alla spalla per una caduta avvenuta ad un'altra gara,
e' in grande forma, Angelo ed il sempreverde Gino sembrano essere indistruttibili, anche Alessandro, che con poco allenamento, tira comunque che e' una bellezza, niente lo spaventa.

Da qualche altra parte invece, il nostro carissimo presidente Onorino sceglieva la via piu' breve, cioe' il percorso breve, anche se nelle sue gambe ci sono migliaia di chilometri e potrebbe stupire chiunque.

Digerite e superate le madonne lanciateci dagli organizzatori di una gara di Duathlon presso Poggio Mirteto, dopo diversi chilometri ad alte velocita', ci si ritrova tutti a Casperia per un coffee break.
Si riparte, giu' in discesa, e dopo svariati slalom tra le buche che impreziosiscono le strade, ne prendo una, che causa la foratura della ruota posteriore Svariati tipi di imprecazioni fanno da cornice all'avvenimento, ma la bellezza della nostra squadra e' che nessuno rimane solo; infatti grazie alla presenza di Alessandro, Roberto, Riccardo Giovannelli ed il grande Maurizio ( la media ), il soccorso e' immediato, la ruota e' risanata e siamo pronti in sella per gli ultimi 40 chilometri che ci separano dall'arrivo. Unica nota dolente e' che il nostro gruppo di testa si e' allontanato, ormai irraggiungibile.

Finalmente il punto ristoro, l'unico, per fortuna, vista la presenza del personale addetto a quel misero banchetto sgangherato, con un tipo sulla sessantina, con i capelli unti, lunghi e tinti di un nero corvino che erano uno spettacolo per gli occhi.

Giunti a Talocci, prendo la testa con Maurizio, Alessandro e Riccardo dietro, con un'andatura regolare, fino a quando un corridore della Iacona si fa portare su per i quattro venti. Aime' per lui, le sue gambe cominciano a non reggere i miei ritmi e si lascia superare, ma poco dopo altri due della Iacona prendono il suo posto; sono due atleti ben preparati, fisicamenti asciutti, sulla quarantina uno e trentina l'altro. Dai quattro venti fino al traguardo e' stata una bella lotta, senza mai cedere di un metro, con il cardiofrequenzimetro che mi tirava un accidente dopo l'altro, ma alla fine siamo arrivati insieme. Volevo tenere alto il nome del CicloClub e credo di esserci riuscito.

La giornata si e' conclusa con un ottimo pranzo a base di pasta al sugo, chi due e chi tre piatti ( io, ehehehe ), braciola, patate fritte, acqua , vino e tanta voglia di stare tutti insieme
Credo comunque che una giornata passata tutti insieme come questa, fatta di sfide, scatti, sudate e tante emozioni, possa lo stesso bastare per creare uno speciale spirito di gruppo, di amicizia, ma sopratutto di stare bene.
Alla prossima ragazzi, alle prossime sfide !

Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy
avatar
gianfranco

Numero di messaggi : 116
Data d'iscrizione : 05.11.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum